I nostri materiali preferiti per le casse degli orologi

by Marc-Andre Schmid

Gli orologi sono sempre stati un accessorio che esprime lo stile personale e i metalli con cui è realizzato un orologio svolgono un ruolo significativo in questa espressione. Dal tradizionale oro giallo ai materiali non convenzionali come la fibra di carbonio, l'orologeria si è evoluta nel tempo fino a incorporare un'ampia gamma di materiali per creare orologi che siano sia funzionali che esteticamente gradevoli, riflettendo allo stesso tempo la personalità e lo status di chi li indossa.

 

Giallo oro

L'uso dell'oro giallo nell'orologeria risale al XVI secolo, quando gli orologi divennero popolari per la prima volta, culminando con la creazione dei primi orologi da polso nel XIX secolo, quando marchi di orologi pionieristici come Patek Philippe e Vacheron Constantin furono tra i primi a incorporare l'oro giallo oro nelle casse e nei cinturini degli orologi, stabilendo la tendenza che altri marchi seguiranno.

Patek-Philippe-Calatrava-Yellow-Gold-Zurichberg

Oro viene tipicamente estratto dalla terra sotto forma di minerali o depositi alluvionali. Una volta estratto, il metallo prezioso viene poi raffinato per rimuovere le impurità e creare oro puro, che in genere è di 24 carati. Tuttavia, quest'ultimo è troppo morbido per essere utilizzato nell'orologeria, poiché può facilmente graffiarsi o ammaccarsi. Per creare un materiale più durevole, l'oro viene spesso legato ad altri metalli, come rame e argento, per creare un metallo più resistente. Il rapporto tra oro e altri metalli può variare a seconda del colore desiderato e delle proprietà della lega finale, con 18 carati che è la purezza più utilizzata poiché il suo contenuto di oro puro al 75% raggiunge il perfetto equilibrio tra resilienza e raffinatezza.

Cartier-Panthère-Yellow-Gold-Zurichberg

Una volta creata la lega d'oro, può essere utilizzata per realizzare casse e cinturini per orologi. Le casse degli orologi vengono generalmente create utilizzando un processo noto come fusione di precisione, in cui il metallo fuso viene versato in uno stampo e lasciato raffreddare e solidificare, quindi la cassa risultante viene lucidata e rifinita per creare una superficie liscia e lucida, mentre quest'ultima può essere essere creato utilizzando una varietà di tecniche, tra cui taglio e stampaggio, tessitura o intrecciatura. La lega d'oro viene generalmente formata in strisce sottili, che possono quindi essere modellate e realizzate nel design del cinturino desiderato.

 

Oro rosa

L'oro rosato, noto anche come oro rosa o oro rosso, divenne popolare negli anni '20 e '30, in particolare nella gioielleria e nell'orologeria Art Déco. Questo materiale è caratterizzato da una maggiore percentuale di rame utilizzato nella sua lega, che gli conferisce un caratteristico colore rossastro. Rispetto al suddetto oro giallo, l'oro rosato è generalmente considerato più durevole e resistente ai graffi grazie al rame aggiunto che agisce come uno stabilizzante più forte dell'argento o del palladio, entrambi molto popolari nella forgiatura dell'oro giallo. Inoltre, il contenuto di rame nell'oro rosato lo rende più resistente all'ossidazione e alla corrosione. Anche i metodi per ottenere il rame si sono evoluti nel tempo e il riciclaggio del metallo è diventato sempre più popolare.

Jaeger-LeCoultre-Reverso-Rosé-Gold-Zurichberg

Marchi come Cartier e Jaeger-LeCoultre sono stati i primi ad adottare l'oro rosa nell'orologeria, affascinati dalla sua tonalità calda e rosata che conferisce, soprattutto agli orologi da donna, un aspetto distintivo ed elegante. Esso rimane una scelta popolare fino ad oggi, armonizzandosi particolarmente bene con la pelle più chiara, poiché il tono rossastro rende la pelle meno pallida. Anche i metodi di estrazione e lavorazione del rame si sono evoluti nel tempo, con nuove tecniche per estrarre il metallo dal minerale e riciclare vecchi prodotti in rame.

 

Acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile è un materiale durevole e resistente alla corrosione che ha guadagnato popolarità nell'orologeria all'inizio del XX secolo, quando erano necessari orologi da polso economici per equipaggiare i soldati nelle trincee della prima guerra mondiale, materiale considerato a lungo economico e scadente. alternativa a prodotti di qualità inferiore. Fu solo negli anni '70 che l'acciaio inossidabile divenne un materiale popolare per gli orologi di lusso, grazie al successo e alla popolarità ininterrotta della linea Oyster di Rolex e di altri marchi come Omega e Breitling.

Rolex-Oyster-Perpetual-Datejust-Stainless-Steel-Zurichberg

L'ascesa degli orologi al quarzo negli anni '80 e '90 consolidò ulteriormente la popolarità dell'acciaio inossidabile, poiché era un materiale più conveniente e pratico rispetto alle varie versioni dell'oro, oltre a consentirne l'utilizzo in vari stili diversi dall'essere lucidato a specchio o con finitura opacaL'acciaio inossidabile è in realtà una lega composta da una combinazione di ferro, cromo e altri elementi. Il processo di estrazione e lavorazione dei materiali necessari per la produzione dell’acciaio inossidabile può essere complesso, ma generalmente comporta l’estrazione del minerale di ferro dalla terra e l’utilizzo di una varietà di tecniche per raffinarlo in ferro puro. Il cromo e altri elementi vengono poi aggiunti al ferro per creare la lega di acciaio inossidabile. 

Rolex-Oyster-Art-Déco-Stainless-Steel-Zurichberg

Uno dei principali vantaggi dell’acciaio inossidabile è la sua resistenza alla corrosione. Questo perché il cromo presente nella lega reagisce con l'ossigeno presente nell'aria per creare uno strato sottile e invisibile di ossido di cromo sulla superficie dell'acciaio. Questo strato protegge l'acciaio da ulteriore corrosione e ruggine, il che lo rende un materiale ideale per prodotti esposti all'umidità o ad altre condizioni ambientali difficili, portando al suo ampio utilizzo nelle trincee della prima guerra mondiale e nello sport, sul campo o nelle immersioni orologi di oggi.

 

Titanio

Il titanio è un metallo leggero e resistente utilizzato per la prima volta nell'orologeria negli anni '70 da marchi come Citizen e Seiko. Il suo elevato rapporto resistenza/peso e la resistenza alla corrosione lo rendono un materiale ideale per gli orologi sportivi e da campo. Il metallo viene solitamente estratto attraverso miniere a cielo aperto, dove vengono utilizzati macchinari di grandi dimensioni per rimuovere terreno e roccia per accedere al minerale di titanio. Il minerale viene quindi trasportato in un impianto di lavorazione dove subisce diverse fasi di raffinazione, portando prima alla separazione del titanio dagli altri materiali attraverso un processo chiamato "separazione magnetica", che prevede il passaggio del minerale attraverso potenti magneti. Il materiale è quindi sotto forma di un minerale chiamato "ilmenite", contenente circa biossido di titanio, che deve essere ulteriormente raffinato attraverso riduzione e distillazione per creare titanio metallico puro.

Seiko-Titanium-Chronograph-Zurichberg

Altro bAnche marchi come Tudor e IWC hanno incorporato il titanio nelle loro collezioni di orologi poiché può essere colorato molto facilmente utilizzando l'anodizzazioneQuesto processo prevede il passaggio di una corrente elettrica attraverso il metallo, che crea un sottile strato di ossido sulla superficie. Lo spessore dello strato di ossido determina il colore del metallo, con colori che vanno dal bronzo al blu intenso.

 

Bronzo

Il bronzo, una lega metallica di rame e stagno, è diventato negli ultimi anni un materiale di tendenza nell'orologeria, con il materiale che vanta un caldo colore brunastro e elevata robustezza e resistenza alla corrosione. Una delle caratteristiche uniche del bronzo è la sua capacità di sviluppare una patina nel tempo, uno strato naturale di ossidazione che si forma sulla superficie del bronzo, conferendogli un aspetto unico e rustico.

Tudor-Black-Bay-Fifty-Eight-Bronze-Zurichberg

Il processo di patinatura può essere accelerato esponendo il bronzo a sostanze chimiche o altri fattori ambientali, ma molti orologiai e designer di gioielli preferiscono lasciare che la patina si sviluppi naturalmente nel tempo. Marchi come Panerai, Oris e Tudor hanno tutti riconosciuto il potenziale di un materiale così versatile e hanno incorporato il bronzo nelle loro collezioni di orologi, creando così orologi davvero unici nel loro genere.

 

Fibra di carbonio

La fibra di carbonio è un materiale leggero ma incredibilmente resistente che ha rivoluzionato molti settori e si è fatto strada anche nell'arte dell'orologeria, conferendo agli orologi realizzati con essa un aspetto elegante e moderno. Il materiale è costituito tipicamente da un tipo di polimero, come il poliacrilonitrile (PAN). Le fibre PAN vengono quindi filate in un filato e trattate con calore e sostanze chimiche per creare un materiale composito in fibra di carbonio che è incredibilmente resistente, ma anche leggero e flessibile.

Hublot-Big-Bang-Carbon-Fibre-Zurichberg

Uno dei primi marchi a utilizzare la fibra di carbonio nell'orologeria è stato Girard-Perregaux, che ha introdotto una cassa in fibra di carbonio per il suo orologio Ferrari 308GTB nel 1981, seguito da altri leader del settore come IWC, Jaeger-LeCoultre o Tag Heuer poco dopo. Tuttavia, il marchio più noto associato agli orologi in fibra di carbonio è probabilmente Hublot, che ha introdotto il suo orologio "Big Bang" nel 2004 vantando una cassa in fibra di carbonio, rendendolo il primo orologio a incorporare questo materiale su scala più ampia.

 

Ceramica

La ceramica è quindi emersa come un altro tuttofare abbastanza nuovo, con il materiale altamente resistente ai graffi e durevole utilizzato per la prima volta da Rado nel DiaStar 1 degli anni '61 con una cassa interamente in ceramica. Il suddetto era realizzato con un materiale high-tech chiamato "metallo duro", composto da carburo di tungsteno e carburo di titanio.

Rado-Diastar-1-Ceramic-Zurichberg

Il materiale era così resistente che Rado commercializzò l'orologio come "Il primo orologio antigraffio al mondo". Da allora, altri marchi come Omega, IWC o Audemars Piguet hanno riconosciuto il potenziale dei materiali, apprezzandone la resistenza ai graffi, la durevolezza e l'aspetto high-tech.


Lascia un commento

Attenzione, i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.